caf patronato assistenza sindacale asseverazione contratti

DEPOSITO BILANCIO SOCIETARIO

Servizi in Camera di Commercio:
Deposito Bilancio Societario

Servizio di Deposito del Bilancio Societario ed Elenco Soci


Offriamo un servizio completo ed altamente qualificato per il deposito telematico presso il Registro Imprese della Camera di Commercio del bilancio di società di capitali:
° Società a responsabilità limitata SRL e SRLS
° Società per azioni SPA
° Società in accomandita per azioni
° Società cooperativa
° Società estere con sede in Italia
° Startup innovative
° tutte le tipologie di società soggette ad obbligo di deposito del bilancio anche consolidato.
Presso il nostro Centro Servizi, grazie alla presenza di un personale altamente specializzato formato ed affiancato costantemente da Professionisti quali Commercialisti ed Avvocati, è possibile ottenere il deposito del bilancio societario in tempi certi e con la sicurezza di un servizio ottimale frutto di processi elaborati e migliorati negli anni.
Il servizio offerto ha un costo pari ad €.100,00 comprensivo di IVA e viene erogato su tutto il territorio nazionale a mezzo email e della nostra piattaforma online per la gestione delle pratiche.
Per maggiori informazioni potete scriverci una email a info@serviziprofessionali.biz


Termini e modalità di deposito del bilancio


Il termine di presentazione del bilancio, con i relativi allegati, al Registro delle Imprese territorialmente competente, è fissato in 30 giorni dalla data di approvazione ai sensi dell’art. 2435 c.c.. Nel computo del termine il sabato e la domenica vengono considerati giorni festivi e quindi si considera tempestivo il deposito effettuato il primo giorno lavorativo successivo.
Al riguardo, l’art. 2364 c.c., richiamato per le S.r.l. dall’art. 2478-bis c.c., stabilisce che l’assemblea per l’approvazione del bilancio deve essere convocata una volta all’anno entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio; oltre tale termine, ma entro 180 giorni, qualora lo statuto lo consenta, per le società tenute alla redazione del bilancio consolidato o qualora sussistano particolari esigenze relative alla struttura ed all’oggetto della società.
Per quanto riguarda la predisposizione e l’invio dei bilanci in via telematica, sono disponibili le seguenti modalità:
• “Bilanci on-line” da utilizzare per l’invio di un bilancio con riconferma dell'elenco soci dell'anno precedente (S.p.A., S.A.p.A., S.C.p.A.) o di un bilancio che non necessita di presentazione dell’elenco soci (Società a responsabilità limitata, Società Cooperativa, Consorzi, Società di mutuo soccorso, Contratti di Rete, Aziende Speciali, Istituzioni e Consorzi degli Enti Locali): tale modalità è in grado di garantire una più veloce ed agevole predisposizione e spedizione della pratica e non richiede l’installazione di software
• “DIRE” – in sostituzione di “FedraPlus” - per la compilazione di pratiche di bilancio indicativamente a partire da maggio. Inizialmente consentirà di depositare bilanci con riconferma dell'elenco soci dell'anno precedente (S.p.A., S.A.p.A., S.C.p.A.) o bilanci che non necessitano di presentazione dell’elenco soci (Società a responsabilità limitata, Società Cooperativa, Consorzi, Società di mutuo soccorso, Reti soggetto, Aziende Speciali, Istituzioni e Consorzi degli Enti Locali).
Affinché il deposito veda a buon fine si dovrà inoltrare un’istanza di deposito in formato XBRL relativa al bilancio completo di prospetto contabile e Nota Integrativa se necessaria.
Come tutti gli allegati al bilancio, anche il file XBRL deve essere firmato digitalmente e assumerà l’estensione xbrl.p7m. La sottoscrizione digitale del documento deve essere effettuata esclusivamente in modalità CAdES, formato che permette di firmare qualsiasi tipo di file e che prevede la creazione di una “busta”, generando un file con estensione p7m, come richiesto dalla normativa, il cui contenuto è visualizzabile solo attraverso software dedicati.


Tipologie di Bilancio da depositare


Con la riforma imposta dal D.Lgs n. 139/2015, in recepimento della Direttiva 2013/34/UE relativa ai bilanci, sono intervenute numerose modifiche agli articoli del codice civile che disciplinano la redazione dei bilanci degli esercizi. In particolare si è dovuto tener conto anche della nuova definizione di PMI in ambito europeo che include la sub-categoria delle micro-imprese come vedremo di seguito.

Bilancio in forma ordinaria

L’articolo art. 2423 c.c. al primo comma stabilisce che gli amministratori devono redigere il bilancio d’esercizio in forma ordinaria costituito da i prospetti contabili e nota integrativa, precisamente:
- Stato Patrimoniale;
- Conto Economico;
- Rendiconto Finanziario;
- Nota Integrativa.

Bilancio in forma abbreviata

Il bilancio in forma abbreviata può essere redatto dalle società di capitali che nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti (c. d. piccole imprese):
1) totale dell’attivo dello Stato Patrimoniale: 4.400.000 €;
2) ricavi delle vendite e delle prestazioni: 8.800.000 €;
3) dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 50 unità.
Il bilancio abbreviato è composto da prospetti contabili e nota integrativa, e, più precisamente:
• Stato Patrimoniale;
• Conto Economico;
• Nota Integrativa.
Con la precisazione che:
a) le piccole imprese che forniscono in Nota Integrativa le informazioni richieste dai punti 3) e 4) dell’art.2428 c.c. sono esonerate dalla relazione sulla gestione (art 2435 bis co.7 c.c.);
b) le società che redigono il bilancio in forma abbreviata sono esonerate dalla redazione del rendiconto finanziario;
c) le imprese che rientrano nella classe delle piccole imprese potranno comunque presentare il bilancio in forma ordinaria.

Bilancio delle micro-imprese

L’art. 2435-ter c.c., “Bilancio delle micro imprese”, definisce le caratteristiche delle micro-imprese, disciplinandone i contenuti del bilancio di esercizio.
Vengono considerate micro-imprese le società che nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti:
1) totale dell’attivo dello Stato Patrimoniale: 175.000 €;
2) ricavi delle vendite e delle prestazioni: 350.000 €;
3) dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5 unità.
Le micro-imprese sono esonerate dalla redazione del Rendiconto Finanziario e della Nota Integrativa quando in calce allo Stato Patrimoniale risultino le informazioni previste dal primo comma dell’art. 2427 c.c., n° 9 (l’importo complessivo degli impegni, delle garanzie e delle passività potenziali non risultanti dallo Stato Patrimoniale) e n° 16 (l'ammontare dei compensi, delle anticipazioni e dei crediti concessi agli amministratori ed ai sindaci); sono altresì esonerate dalla relazione sulla gestione quando in calce allo Stato Patrimoniale risultino le informazioni richieste dall'art. 2428 c.c., n° 3 (il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti possedute dalla società) e n° 4 (il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti acquistate o alienate dalla società, nel corso dell'esercizio).
Nelle micro-imprese pertanto il bilancio d’esercizio può essere composto soltanto dallo Stato Patrimoniale e dal Conto Economico, per i quali sono previsti forma, struttura e contenuti uguali a quelli del bilancio in forma abbreviata.


ottieni un preventivo personalizzato

info@serviziprofessionali.biz

I nostri Servizi OnLine

🔒 Accedi o Registrati

Richiedi i nostri servizi da casa in modo semplice ed intuitivo con la garanzia di ricevere assistenza continua dai nostri operatori.
Riceverai i tuoi elaborati per email e saranno sempre disponibili nell'area riservata.
1)Registrati o Accedi; ➜ 2) Seleziona il servizio; ➜ 3) Carica i documenti; ➜ 4) Ricevi gli elaborati nella tua area riservata e via email

Visto di Conformità

Visto di conformità per recupero credito IVA e bonus edilizi per cessione del credito e sconto in fattura.

Canone Concordato

Contratti di locazione a canone concordato a Roma con cedolare secca 10%: vidimazione e registrazione.

Successione - Eredità

Tutti gli adempimenti relativi alla dichiarazione di successione e invio in Agenzia delle Entrate.

Gestione Colf e Badanti

Gestione completa del rapporto di lavoro domestico: assunzione, cedolini, TFR e cessazione.

Calcolo pensione

Offriamo la possibilità di conoscere quando potrai andare in pensione e con quale importo.

Cessione quote SRL

Cessione delle quote societarie di SRL senza notaio ad un costo particolarmente vantaggioso.

Contabilità Forfettari

Servizio di contabilità semplificata per regime forfettario a costi ridotti. Predisposizione e invio dichiarazione.

Registrazione contratto

Registrazione e disdetta telematica in Agenzia delle Entrate del contratto di locazione.

Approfondimenti: Normativa e Giurisprudenza

La domanda di invalidità civile decorre dalla data di presentazione anche con documentazione incompleta. Cassazione Sez. Lavoro n. 30419/2019.
Continua a leggere

INPS: Cumulo e totalizzazione dei periodi assicurativi. Ulteriori precisazioni e chiarimenti per la liquidazione della pensione per i lavoratori in possesso di contribuzione agricola
Continua a leggere

Gli istituti della cessione del credito e del pignoramento della retribuzione ed i relativi adempimenti, nonché la coesistenza di entrambe le figure in capo al medesimo lavoratore
Continua a leggere

Sentenza Cassazione Sezione Lavoro n. 12323/18: Compensazione impropria tra prestazioni previdenziali ed assistenziali.
Continua a leggere

L'Inps fornisce le istruzioni in merito all'applicazione, per i lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni titolari di assegno di invalidità, del limite ordinamentale previsto in 65 anni per la cessazione del rapporto di lavoro
Continua a leggere

Con Sentenza 11.9.2008, n. 22858, la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, ha individuato i caratteri essenziali del mobbing, ravvisabili in una condotta protratta nel tempo, tesa a ledere il lavoratore
Continua a leggere

L'Inps con la circolare 100 del 13 giugno 2016 fornisce le istruzioni operative per la gestione del contenzioso inerente all'accertamento tecnico preventivo obbligatorio, in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità
Continua a leggere

A seguito dell'emanazione della legge 89/2016, l'Inps fornisce le prime precisazioni in merito all'applicazione normativa alla luce degli ultimi interventi del Consiglio di stato.
Continua a leggere

L'Inps, con regolamento 15 ottobre 2010, ha provveduto ad attuare la legge n. 69/2009 fissando i nuovi termini per la conclusione esplicita dei procedimenti amministrativi di propria competenza.
Continua a leggere

L’Inps, con il messaggio del 2 dicembre 2019, n. 4477, fornisce chiarimenti circa le fattispecie concernenti titolari di assegno ordinario di invalidità (AOI), sospeso a causa dell’opzione in favore dell’indennità NASpI.
Continua a leggere

L'Inps fornisce nuove istruzioni per l'applicazione della disciplina del riscatto di periodi non coperti da contribuzione e per il criterio di calcolo dell'onere di riscatto dei periodi di studio universitari da valutare nel sistema contributivo
Continua a leggere

Anche agli stranieri residenti in Italia, ciechi totali o parziali, benché privi di permesso di soggiorno di lungo periodo, deve essere riconosciuta la pensione di invalidità civile , purché legalmente soggiornati in base ad un valido permesso di soggiorno
Continua a leggere